05 gen 2012

Al ladro!

link sponsorizzati


Capodanno, arriva la Finanza e fa controlli su esercenti villeggianti con auto di gran lusso.; l’assessore si stupisce, politici come Cicchitto parlano di stato di polizia e di azione dimostrativa e inopportuna.
Ecco l’Italia è questa, esattamente questa: chi ci governa, un “primo cittadino”, al posto di schierarsi inequivocabilmente per la legalità, che lui stesso dovrebbe tutelare e promuovere, lascia intendere che ci sono ragioni più alte e modi necessariamente diversi. E poi perché proprio a Cortina e non a Porto Fino? Come dire, anche là stanno messi così… un po’ come fanno i fratellini quando mamma li sgrida, “però anche lui…”.
Affermazioni che mirano solo a tutelare l’immagine e il business della località (e la propria base elettorale) che sonoun valore ma non per tutti e a vantaggio di tutti, come invece è la legalità. Non ci sogniamo di pensare che a Cortina abitano e properano gli evasori, sappiamo bene che ne è piena l’Italia, e ogni azione atta a stanarli va bene. Ma anche per quel tanto che è dimostrativa, tale azione va bene: c’è proprio bisogno di mandare un segnale e che questo segnale abbia ridondanza mediatica. Certo l’Agenzia dell’Entrate non s’è sbagliata andando a trovare i commercianti ampezzani (ma poteva andare – come già fa – anche altrove) piuttosto che le operaie licenzite dalla Omsa per individuare qualche evasore fiscale. Strano vero?
Combattere l’evasione è un fatto morale, tutela del principio di legalità, in primis. A questo chiunque va richiamato perché se il cittadino italiano non si convince che questo principio va rispettato, emergerà sempre un comportamento furbo e opportunistico.
Scrive Nicola Porro sulla edizione on line del Giornale di oggi sulla evasione:
C’è un motivo affatto moralistico per combatterla. Chi ruba i soldi al fisco fa concorrenza sleale agli onesti. E soprattutto in momenti di crisi rischia di sopravvivere a danno dei galantuomini. La bottega o l’impresa che non paga il dovuto ha un vantaggio competitivo ingiusto nei confronti dei corretti. Vince chi truffa lo Stato con più abilità. E non chi lavora e produce meglio. L’evasione trucca la partita della libera concorrenza”. 

Ragione intrisa di torto e soprattutto di velata menzogna quella di Porro.
Infatti una società è civile anzitutto erchè concorda sul rispetto dei suoi principi fondativi e non solo perché la violazione lede gli interessi di alcuni.
Al ladro glielo si può dire “ladro”, o no?

22 commenti:

Anonimo ha detto...

No!!!
non si può dire al ladro.."ladro"...se dirlo danneggia la comunità di una regione o di uno stato.
Prima vengono sempre gli interessi della nazione!!!,e gli interessi dell'Italia attualmente sono quelli di attrarre capitali dall'estero....e non di farli scappare all'estero!
I soldi nel nostro interesse vanno spesi qui!!..e non a S.Moritz.

guido ha detto...

le persone straniere sono abituate a pagare le tasse e non capiscono gli italiani che derubano i connazionali 1,le persone controllate erano italiane 2,i finanzieri sono stati spesso scambiati per collaboratori dei vari negozi 3.
basta accampare scuse e spostare nel poi, i controlli vanno fatti seriamente sempre ed ovunque.Non c'è problema di attrarre i capitali esteri in Italia,ma di mantenere in Italia quelli rubati alle nostre spalle dai nostri consimili (forse consanguinei)
guido

Anonimo ha detto...

Bravo!!!! Eccoci qui di nuovo....ci mancava un commento del genere! Ma vai pure a St. Moriz....nessuno ti trattiene, ne a Cortina e ancora meno altrove....l'importante è che le tasse le paghi...e poi va dove ti pare e piace....no problem!

Anonimo ha detto...

NON mi piace questa aria da caccia alle streghe. Grazie anche al governo ora chiunque si sentira in diritto di denunciare il piccolo commerciante del paese o il vicino di casa solo perchè antipatici. No, non è da paese civile. Comumque andra a finire che pagheranno sempre i più deboli, Ma l'avete visto il redditomtro? Se io dopo 30 anni di lavoro non ho vizi e sono scapolo con una casa eredità dei genitori di 80 mq mi compro un'auto del 2000/2002 di grassa cilindrata al presso di 7000 euro scatta l'accertamento.Per i redditi alti no. Meditate gente meditate

Anonimo ha detto...

Commentare quello che dice Porro è come sparare alla Croce Rossa, una vigliaccata, Prro è un giornalista al sodo di Berlusconi quindi ingiudicabile

Markus ha detto...

Lo Stato totalitario è perennemente «in lotta» contro i nemici, per lo più interni.

E' per­fet­ta­mente pos­si­bile – e legale – dichia­rare meno di 30mila euro/anno e pos­se­dere un’automobile di lusso. Può essere per ere­dità, patri­mo­nio, ren­dite finan­zia­rie o infi­nite altre ragioni.

Quanto sta acca­dendo altro non è che l’evoluzione della lotta di classe: non più ope­rai con­tro padroni, ma una certa ita­lietta con­tro i “ric­chi”, che spesso ric­chi non sono, per distogliere l'attenzione dal vero rapinatore e affamatore dei lavoratori: Mario Monti.

giobbe ha detto...

cicchitto... quello che piangeva disperatamente, chiedendo perdono, per essersi iscritto alla P2... E stiamo ad ascoltare gentucola simile?.. ma per favore !!!!

Anonimo ha detto...

LA RICCHEZZA E UN VALORE!!per tutti noi cittadini e operai d'Italia!!
Quando un ricco decide di spendere all'estero è un'impoverimento per tutti noi!!!
Senza soldi nelle banche nostrane non c'è lavoro per nessuno!!...ci lamentiamo quando un'azienda si trasferisce all'estero!!....perchè?ricordate che senza i capitali ci rimane solo miseria!!Continuate a spaventare i capitali.....e poi vedrete come ce la faranno pagare!!!
Ci diranno...adesso i soldi metteteceli voi!!!!

Anonimo ha detto...

ho un amico sincero: il mio specchio! gli ho chiesto quali sono i mali di questo paese? ho chiesto se la colpa è della politica? se è giusto che siamo costretti a pagare in tanti per colpa di pochi? ho ricevuto risposta? e si di solito quando piango "lui" non ride mai?

marco ha detto...

quando si toccano i riccastri evasori ...siamo in uno stato di polizia, si favorisce l'espatrio di capitali, facciamo azioni prettamente mediatiche ...e cosi via. quando si creano milioni di precari negandogli qualsiasi diritto sindacale , al mutuo della casa, ad una sicurezza per il futuro ecc... non si scandalizza nessuno !

Anonimo ha detto...

Salve

Sono un piccolo artigiano, vi posso garantire che faccio fatica a vivere decorosamente!
Trovo giusto pagare le tasse!
Intendo le giuste tasse,non certo oltre il 60% come sta avvenendo ora!!!nella percentuale non ho compreso le varie gabelle che aumentano ad ogni stagione!!!
Un artigiano o un piccolo commerciante se non evade muore!!
Non ha nessuna tutela e tutto ciò che rischia è su le sue spalle!!
Con questo non dico che è giusto evadere come dico che la giusta pressione è del 30%
Perciò facciamo attenzione a dire EVASORE!!!
l'EVASIONE è DI CHI RAPPRESENTA LO STATO!!
Amministrare male i nostri soldi è evasione, elargire per propri fini i nostri soldi è evasione decidere i compensi politici è evasione
Abbiamo uno stato malato ma vengono curati gli Italiani!!

Gianni Comoretto ha detto...

Premetto che i piccoli commercianti sono responsabili "solo" per un 10-20% dell'evasione, il grosso è legato alla criminalità organizzata ed alle grandi imprese. E poi c'è corruzione, costi esagerati della politica, ecc. Ma giustamente è una questione di cultura, che come si vede dai commenti manca alla grande, evadere anche nel piccolo (l'idraulico pagato in nero, se insisti la fattura te la fa, quindi è anche colpa di chi si intasca lo "sconto") significa giustificare chi evade o truffa nel grande.

Conosco molti lavoratori dipendenti, che pagano il loro 60% di tasse (e non possono fare altrimenti) facendo fatica ad arrivare a fine mese. Anche per loro pagare solo il 30% sarebbe una manna.
Ma chi ha detto che il "giusto" sia il 30, il 40, o qualsiasi altra cifra? E mia sorella, restauratrice, lavora quasi solo per gli enti pubblici, quindi niente nero, ora le han detto che l'aumento dell'IVA se lo accolla lei. Perché lei sì e chi può no?

Comunque no, non puoi dire "ladro" al ladro, si offende, si indigna perché hai avuto l'ardire di chiamarlo così. Siamo tutti onesti, e le tasse sono solo un optional, che si paga solo se costretti, o al massimo con un'autoriduzione. Ma quando vai in ospedale, il servizio lo vuoi completo, se il chirurgo si ferma a metà perché dice che con il 30% di tasse lui arriva solo lì, non sei proprio contento.

Anonimo ha detto...

Secondo me tutto il sistema è malato troppi sprechi e corruzione che alla fine ricadono su piccoli artigiani operai pensionati e disoccupati. Abbiamo tasse a livello di strozzinaggio non è cosi che si salverà l'Italia anzi....

Anonimo ha detto...

Credo che questo sistema economico abbia raggiunto i suoi limiti da molto tempo. Non è possibile che la maggior parte delle persone sia costretta a barcamenarsi tra precarietà e stipendi da fame mentre i furbi (quelli che dicono che lo fanno per salvarsi) godono di una discreta impunità e non ritengo queste pagliacciate valide, hanno solo scopo di far da palliativo,e non possono in alcun modo cambiare il malcostume diffuso. Liberiamoci di questo sistema economico basato sul danaro, al diavolo la ricchezza tanto amata da questo curioso e pericolosissimo primo ministro (pericolosissimo perchè con la sua squadra sta lavorando per ridurci ancora più in povertà...parere personale)e diamo il benvenuto ad un sistema basato su solidarietà e distribuzione di risorse. Se poi cominciassimo a ripulire il porcile che abiamo fatto del Pianeta, credo che l'umanità riuscirebbe finalmente a crescere. E ve lo scrive un novantunenne....

Anonimo ha detto...

Volevo rispondere a un paio di post: 1)concordo con l'anonimo che ha fatto l'esempio dell'auto di grossa cilindrata, effettivamente il redditometro non và a guardare se è vecchia o nuova conmprata o ereditata, vede solo l'equazione reddito/potenza auto. Questo vale anche per le case, ne so qualcosa per un'eredita di 1/3 di casa in versilia, accertamento tributario e conseguente giornata di ferie non rimborsata dallo stato per far vedere che l'avevo ereditata e denunciata sul cud.
2) il chirurgo, le medicine e gli ospedali li paghiamo e anche salati, tutti noi a reddito fisso, poi dobbiamo dichiarare quanto prendiamo per i tiket fino all'ultimo centesimo e se sgarri sono guai, anche per un piccolo errore involontario. Invece il grande luminare che fà 10 visite al giorno a 150 euro anche se ne certifica con la ricevuta 3-4 non viene mai toccato, mi spiegate perchè? E non mi venite a dire che ora tutto cambierà perchè sarà esattamente come prima: A lungo andare pagheranno solo i più deboli.

Anonimo ha detto...

Ma pensate che gli investitori stranieri abbiano fiducia in un paese che fra corruzione ed evasione messe insieme superano abbondantemente i 200 miliardi di euro o che abbiano fiducia di un paese che fa rispettare le regole e fa pagare le tasse? L'andamento dello spread lo dimostra appieno la lotta all'evasione paga proprio a livello di investimenti stranieri altro che e se cominciassimo a mettere questi ladri in galera avremmo ancora più fiducia. EVVIVA L'AGENZIA DELL'ENTRATE EQUITALIA LA FINANZA MONTI E TUTTI QUELLI CHE CONTRIBUISCONO AL BENE DELL'ITALIA E DEGLI ITALIANI ONESTI. Zanzino Jr.

Anonimo ha detto...

Leggere questi commenti mi rende ancor più indignato.
Il degrado mentale che si percepisce conferma il livello di degrado a cui è arrivato il sistema Italia.
Il ladro è ladro come lo è anche chi fa da palo.
Oggi prevale il giustificazionismo, il perdonismo e a chi chiede giustizia viene tacciato di giustizialismo.
Ben venga un Monti, poco potrà fare ma almeno è un inizio.

Anonimo ha detto...

Si vede che il governo di prima non voleva accertamenti sui suoi elettori ( ricconi ecc.ecc. ) vedi rientro capitali dall'estero con un'aliquota da ridere. QUESTO GOVERNO, NE FACCIA DI CONTROLLI TUTTI I GIORNI IN TUTTE LE LOCALITA D'ITALIA, FESTIVITA COMPRESE. CHI PAGA VERAMENTE LE TASSE COME DIPENDENTI E PENSIONATI ,NON HA NULLA DA TEMERE

Anonimo ha detto...

Mi sembra che anzichè dire: hanno fatto bene...e, dovrebbero proseguire in tutta Italia con i controlli, abbiano fatto male.
Signori, io ho sempre pagato e, mi infastidisce dover pagare il doppio ora perchè gli altri evadono.

Anonimo ha detto...

ma i politici?si rimanda ancora.Noi sacrifici subito e loro se la godono alla faccia nostra,si rimanda ,si simanda e al primo segnale di miglioramento,a noi forse lasciano invariate le tasse e a loro un altro benefit con aumento. E le auto blu...non se ne parli più,come per gli emolumenti,tanto il popolo bue dimentica e se ricorda c'à un cavillo costituzionale che dice..SOLO AUMENTARE, a noi le tasse a lord gli stipendi

Anonimo ha detto...

Ma fatemi un piacere,ma di cosa stiamo parlando?
Se tutti pagassero le tasse tutti paghererebbero meno?
Ma non avete capito che spostare l'attenzione del popolo bue sugli evasori da scontrino è una strategia per togliere l'attenzione dalle cose che fan comodo alla casta?
ma lo sapete che Befera(leggi agenzia delle entrate)piglia 457.000 Euro l'anno di stipendio?
parliamo della nostra classe politica e di quanto ha "legalmente"rubato in questi ultimi 20 anni?
e quel pirla che si fà eroe su facebook per una cordata contro i negozianti?
Ma và da via il c......

Anonimo ha detto...

Condivido l ultimo commento. Fate attenzione. Le tassa vanno pagate ma bisogna fare la riforma fiscale , ridurre le aliquote IRPEF e detrarrete tutto.